“ TOC TOC, il ritorno del Principe di Gaza” di Nandino Capovilla e Piero Fontana

gaza

Con l’adesione di :Associazione per la Pace, Donne in Nero, Arci, Incontrarci, Agronomi e Forestali Senza Frontiere, ACS, Cooperativa Fare Il Mappamondo.

Invitano a partecipare alla proiezione del docufilm
“ TOC TOC, il ritorno del Principe di Gaza” di Nandino Capovilla e Piero Fontana
Centro Universitario Padovano via Zabarella 82 Padova

Il 23 novembre 2015 ore 20.30
Nandino Capovilla, ex Coordinatore di Pax Christie, ha svolto il proprio servizio per il Movimento come responsabile delle azioni in Israele e Palestina in qualità di referente nazionale della campagna “Ponti e non Muri”. E’ noto anche per il suo attivismo per i Diritti Umani, la giustizia e la libertà per il popolo palestinese e gli “esclusi” dalla società.

Organizza ogni 29 novembre la giornata ONU per la Palestina e dà a tutti un compito:

“diffondete la verità dei fatti”

Discuteremo con Nandino sulla drammatica situazione attuale in Palestina e sulla difficoltà di trovare informazioni corrette nei media. Sarà offerto del thè alla salvia, che ricorda l’amarezza di chi si batte per la giustizia e pace .

GIORNATA delle TERRA

PER NON DIMENTICARE LA GIORNATA DELLA TERRA  hanno il piacere di invitarvi alla visione del film “La sposa di Gerusalemme”  della regista Sahera Dibas .
Una delle voci più interessanti del cinema palestinese contemporaneo, che sarà presente alla serata.
Luogo:Castelfranco (TV)

 

Il cibo come resistenza – Incontriamo i piatti e i sapori della Palestina

Nella cittadina di Este e con l’Associazione Bilancia il 14 marzo dedicato alle donne ci sarà la proiezione del film/documento “La sposa di Gerusalemme” preceduta da uno spot contro la violenza alle donne della regista indipendente Sahera Dirbas di Gerusalemme, cura la proiezione Fatima Abbadi.
Seguirà una cena buffet Ci sarà anche una dimostrazione su come viene fatto il “maftul” cous cous palestinese oltre alla presentazione del progetto in Palestina “con le donne ed i bambini di Artas” raccontato da Silvia Gallo e Bassima.
Este_n

 

“Il sale di questo mare”

Al Quds, Istituto di cultura italo palestinese e la Comunità Palestinese nel Veneto
in occasione della giornata internazionale di solidarietà conferita dall’ONU per il popolo palestinese.  Il film”Il sale di questo mare”  verrà proiettato presso il Centro Universitario di Padova

29 novembre 2013 ore 20,30
Via Zabarella n. 82 (di fronte alla profumeria Beghin) Padova

poster_sale

SIETE TUTTI INVITATI, INGRESSO LIBERO

5 BROKEN CAMERAS

Al Quds, Istituto di cultura italo palestinese
e la Comunità Palestinese nel Veneto
accolgono con piacere la disponibilità di Don Roberto Ravazzolo
Direttore del Centro Universitario Padovano
a proiettare Presso il Suo Istituto, il film/documento 5 BROKEN CAMERAS
meritatamente nominato all’OSCAR 2013
Per la sua umanità e resistenza pacifica civile nel villaggio simbolo di Bil’in
10 giugno 2013 ore 20,30
Via Zabarella n. 82 (di fronte alla profumeria Beghin) Padova

5broken
Di Imad Burnat e la collaborazione di Guy Davidi (attivista israeliano)«Questo è uno dei migliori film che ho visto quest’anno, non un documentario. Quest’uomo non è un regista di documentari, è un contadino. E il film che state per vedere, è il film fatto
da un contadino. Con nessun tipo di preparazione…. Ricordiamoci che noi americani siamo i più grandi sostenitori di quello che vi accingete a vedere». Dichiara Michael Moore
Proprio Moore dice che, se avesse le risorse, ne manderebbe una copia a ogni famiglia americana e nel giro di 24 ore, se le persone lo guardassero davvero, l’opinione pubblica su questi fatti in Palestina cambierebbe radicalmente.

“Una volta ogni tanto – continua Moore – arriva un documentario che, dopo che lo hai visto, non ne parli più come di un documentario ma ne discuti come di un’opera d’arte, di cinema vero”.
SIETE TUTTI INVITATI, INGRESSO LIBERO

“Giornata della Terra”

Per ricordare la “Giornata della Terra”, vi invitiamo: lunedì 8 aprile, alle ore 20.45, al Fronte del Porto per la proiezione del documentario Gaza Strophe.

L’iniziativa è promossa dalla:
Comunità Palestinese del Veneto
insieme a
ACS – Agronomi S.F. Al Quds – ARCI – Associazione IncontrArci – Associazione per la Pace – Donne in Nero – Mezza Luna Rossa palestinese – Perilmondo Onlus

Saranno con noi alcuni giovani di Gaza che fanno parte del convoglio “Vik – Gaza to Italy”.
Vi aspettiamo numerosi e vi preghiamo di diffondere l’iniziativa.

Per non dimenticare quella giornata del 30 marzo 1976, secondo il programma dei governi israeliani che prevedeva l’esproprio di terre nella Bassa Galilea, premessa all’evacuazione di 5 villaggi palestinesi.

Il 25 marzo, in un assemblea pubblica a Sakhnin (uno dei villaggi interessati), i Palestinesi proclamano il 30 marzo “giornata di sciopero generale contro l’esproprio e per la difesa della terra”. La manifestazione trova massiccia adesione.

Per l’esercito la protesta non è tollerabile. Gli “Arabi d’Israele” (così chiamati per negare loro l’identità palestinese, oltre al diritto) sono considerati intrusi ed imposti allo “Stato Ebraico”. La polizia investe i manifestanti: ci sono centinaia di arresti, feriti e 6 uccisi.

UNA FINESTRA SULLA PALESTINA

UNA FINESTRA SULLA PALESTINA

VOCI, GEOGRAFIE E STORIE DA UN PAESE DIMENTICATO PER APRIRE UNA FINESTRA SULLA CULTURA E LA STORIA PALESTINESE PER RIDARE VOCE E VISIBILITÀ AD UN POPOLO CHE CONTINUA A RESISTERE
CON IL PATROCINIO DEL C.D.Q 4 SUD EST
Commissione Cultura

image

Ragazzi di Gaza si allenano nel “parkour”, uno sport che consiste nel cercare in tutti i modi possibili di superare gli ostacoli per andare da un luogo A a un luogo B. Sullo sfondo edifici bombardati dall’esercito israeliano (foto di Giorgio Palmera)

 

Mercoledì 31.10.2012, ore 20.45 sala Fronte del Porto, via Santa Maria Assunta, Padova

“Jaffa-La meccanica dell’arancia” documentario di Eyal Sivan , 2009
Regista israeliano noto per i suoi film non aderenti alle politiche del governo, è stato premiato per il documentario al Festival internazionale del cinema non-fiction Filmmaker “Jaffa-La meccanica dell’arancia” La storia della Palestina e di Israele si fonda sulla rappresentazione, immagini e luoghi comuni. Jaffa è una città, occupata nel maggio 1948 e in gran parte demolita subito dopo. La maggior parte della popolazione, 50.000 persone, fu spinta in mare. Ora «Jaffa» è anche un brand, marchio israeliano dei pompelmi e delle arance palestinesi. Il documentario descrive lo sfruttamento delle risorse e l’occupazione della Palestina attraverso filmati d’epoca e interviste a persone comuni oppure a personaggi della cultura, intellettuali e storici, sia israeliani che palestinesi.

jaffa_s

Mercoledì 7.11.2012,  ore 20.45  sala Fronte del Porto, via Santa Maria Assunta, Padova

“The heart of Jenin” documentario dei registi Lior Geller e Marcus Vetter  2008.
Il documentario è stato finanziato da una casa di produzione di Monaco e diventa poi la testimonianza di un incontro complesso del viaggio di un padre che cerca piccoli gesti, sorrisi, sguardi nel disperato bisogno di vedere un eco del suo bimbo con almeno tre famiglie dei 5 riceventi gli organi del bambino Ismael Khatib, un abitante del campo profughi di Jenin il cui figlio dodicenne Ahmad è stato ucciso dai soldati israeliani nel 2005. Khatib aveva acconsentito a donare gli organi di Ahmad ad alcuni bambini israeliani, salvando loro la vita. La storia, gesto di pace in decenni di conflitto senza fine, aveva commosso Israele e il mondo. Vetter, grazie alla collaborazione di Ismael, ne aveva realizzato il documentario, “Il cuore di Jenin”, uscito nel 2009. Non è un film fatto per l’arte, non è storia raccontata per commuovere. E’ un documentario fatto per la storia che mostra come la pace in medioriente sia difficile ma proprio dalle immagini di quei bambini salvati si comprende che è possibile.

heart_s

Mercoledì 14.11.2012, ore 20.45 sala Fronte del Porto, via Santa Maria Assunta, Padova

“Tomorrows Land” documentario dei filmakers bresciani Andrea Paco Mariani e Nicola Zambelli .2011
Gli abitanti di At-Tuwani vivono con l’oppressione e la violenza legalizzata dell’esercito e dei coloni, tacitamente autorizzata dallo Stato di Israele. A poche centinaia di metri dal villaggio, infatti,sorgono insediamenti di coloni che costituiscono il pericolo maggiore per gli abitanti di At Tuwani e dei villaggi limitrofi. Attacchi ed incursioni nei villaggi, avvelenamento del bestiame e delle falde acquifere, pestaggi ed intimidazioni, sono all’ordine del giorno, permesse da una silente impunità legale garantita da Israele a questi gruppi eversivi.  Tomorrow’s Land sarà presentato dal regista Andrea Paco Mariani.

tomorrows-land_s

LE TRE SERATE SONO ORGANIZZATE DA: Comunità Palestinese del Veneto, ACS,Agronomi e Forestali Senza Frontiere, Al Quds, ARCI Padova, Associazione per la Pace, Associazione IncontrArci, corti e buoni, Donne in Nero, Perilmondo onlus.